100 partecipanti al Seminario organizzato dal prof. Padiglione e da Body&Society Lab

Ieri quasi 100 partecipanti al Seminario per la Facoltà di Medicina e Psicologia organizzato dal  Prof. Vincenzo Padiglione in collaborazione con il Body&Society Lab. Malgrado il freddo, i lavori sono durati diverse ore e si sono svolti prevalentemente nell’ambito della installazione etnografica curata da Padiglione e da Carmela Spiteri nelle ‘cantine’ del Castello, e intorno ad un’altra installazione nella Sala Grande del Piano nobile. Raccoglieremo in questo sito i commenti e le valutazioni critiche dei partecipanti via via che perverranno.

IMG_1990

Nella Sala Grande

IMG_1994

Il prof. Padiglione introduce i partecipanti al corpo composito del Migrante

IMG_2032

Commenti e dibattito nella Corte.

Partecipazione appassionata all’evento organizzato da Body&Society Lab e da Vincenzo Padiglione

P1090500Dalle 11 alle 19, un evento ricco di idee, proposte, elaborazioni concettuali, ipotesi future, materiali di lavoro e qualche discussione accesa. Body&Society Lab ringrazia in primo luogo Vincenzo Padiglione. Con la collaborazione di Carmela Spiteri, ha costruito e reso disponibile l’apparato visivo che è stato al centro dei lavori: basato sulla sua collezione di maschere ma anche e forse soprattutto sulla sua collezione di … valigie. Grazie anche ai partecipanti, generosi di commenti e di riflessioni non di maniera. Non possiamo citarli tutti. Ricordiamo però almeno Pietro Clemente, Sandra Ferracuti, Vito e Selene Lattanzi, Anna Iuso, Cristina Cenci, Laura De Martino, Alberto Sobrero, Alessandro Simonicca, Marisa Dalai, Marina Valenti, Aurora Di Mauro, Ivan Bargna, Enrico Pozzi, David Monacchi, Marilena Fatigante, Carmela Spiteri, Matteo Aria, Alessandro d’Emilia, Iulia Stanescu, Lucilla Saccà. E ricordiamo anche Teresa, con il suo buffet dove il tartufo locale era molto presente!

A presto altre iniziative che proseguiranno questo workshop lungo le linee di lavoro tratteggiate dal prof. Padiglione e sostenute attivamente dal Body&Society Lab.

P1090497

Il Workshop visita l’installazione di Vincenzo Padiglione

Sabato 8 novembre, workshop di scienziati sociali al Castello per discutere di rappresentazioni sociali del corpo e del volto

Il Body&Society Lab ha organizzato nella sua sede di Rocca sinibalda un workshop sul tema: Rappresentazioni del corpo e del volto tra cultura, politica e medicina: l’apporto delle scienze sociali. Occasione e stimolo del workshop sarà la installazione etnografica che Vincenzo Padiglione  (Università di Roma “La Sapienza”) ha costruito con la collaborazione di Carmela Spiteri a partire dalla sua imponente collezione di maschere da tutto il mondo. StraVolti. Maschere abitate e altri eccessi sociali – questo il titolo della inquietante e articolata installazione – verrà poi inaugurata per il pubblico nelle settimane successive, e diventerà pienamente accessibile ai visitatori del Castello. Sarà Vicenzo Padiglione stesso a introdurre e commentare l’installazione ai partecipanti. Tra questi, antropologi come Pietro Cemente (Università di Firenze), Alberto Sobrero (Università di Roma “La Sapienza”), Anna Iuso (“La Sapienza”), Alessandro Simonicca (Univ. di Siena), Sandra Ferracuti (Univ. della Basilicata); storici dell’arte come Marisa Dalai Emiliani (“La Sapienza”), e Lucilla Saccà (Univ. Firenze); studiosi e gestori del patrimonio demoetnoantropologico come Vito Lattanzi (Museo Etnografico Pigorini, Roma), psicologi sociali come Enrico Pozzi (“La Sapienza”), e molti altri ancora.

A Vallecupola di Rocca sinibalda apre la Biblioteca Angelo Di Mario

Inaugurata a Vallecupola la Biblioteca Angelo Di Mario. Nato in questo piccolo borgo medievale nel 1925, e qui sepolto nel 2013, Di Mario è stato una singolare figura di studioso, artista e poeta. Al centro della sua attività scientifica gli studi sulla lingua etrusca: 5 volumi e numerosi articoli su riviste specialistiche che gli sono valsi riconoscimenti significativi (ad es. il Premio Speciale della Città di Cortona). La Biblioteca raccoglie otre 6mila volumi e riviste. Inserita nel Sistema Bibliotecario Nazionale, contiene anche numerose sculture di grande garbo e appunti di lavoro manoscritti. E’ aperta il venerdì pomeriggio e il sabato.

In un incontro a Palazzo Iacobuzzi, il Sindaco di Rocca sinibalda ha introdotto un documentario su Di Mario realizzato da Marco Cortelli e da Maria Grazia Di Mario, figlia dello studioso e Direttrice della Biblioteca. Nel pomeriggio, un ampio reading di poeti dialettali per richiamare anche questo aspetto della creatività dell’etruscologo-artista. Possiamo solo augurarci che tutto questo apra a nuova vita e a nuovi progetti il borgo di Vallecupola.

Biblioteca Vallecupola apertura

Riccardo III: il trailer

Un breve filmato per rivivere l’entusiasmante serata in cui il Re Gobbo Riccardo III ha abitato come un incubo la Corte Grande del Castello di Rocca Sinibalda, grazie a Alessandro Cavoli e al Teatro Rigodon.

Tutto Esaurito al Castello per le rappresentazioni del Riccardo III

Straordinario successo del Riccardo III di W. Shakespeare nella Corte Grande del Castello di Rocca Sinibalda. Tutto esaurito per la tragedia del Potere sinistro, rivisitata con grande libertà dal regista Alessandro Cavoli e dalla sua compagnia. Il Castello Scorpione è risultato un contesto perfetto per rappresentare la vicenda del Re Uncino, il Gobbo affamato di dominio e di sesso in un balletto di fantasmi. Entusiasmo per la performance di Sharoch Moshkin Ghalam, della Comédie Française. Applausi a scena aperta per la geniale reinvenzione de “Il mio regno per un cavallo” proposta dalla regia. Questa prima edizione del cantiere del Castello dei Destini Inventati non poteva concludersi meglio.

Recente
Commenti
Tags